SOCAN rivela entrate record per il 2023

SOCAN ha rivelato che le sue entrate hanno superato per la prima volta i 368,50 milioni di dollari (500 milioni di dollari canadesi) nel 2023, quando si dice che le distribuzioni siano aumentate di oltre il 20% arrivando a 325,75 milioni di dollari (442 milioni di dollari canadesi).

L’organizzazione canadese per i diritti di performance (PRO) ha presentato oggi una panoramica dei suoi dati finanziari per il 2023, inclusi 385,45 milioni di dollari (523 milioni di dollari canadesi) di entrate, in crescita dell’8% rispetto al 2022. SOCAN ha programmato la sua riunione annuale per il 19 giugno e intende rilasciare un rapporto una “relazione completa e rendiconti finanziari finali, inclusa una panoramica completa delle attività del 2023”, prima di allora.

Basandosi sulle informazioni attualmente disponibili, i pagamenti di 325,75 milioni di dollari ai membri compositori, cantautori ed editori rappresentano specificamente un aumento del 22% su base annua (YoY), ha segnalato l’entità con sede a Toronto.

Vale la pena tenere presente, tuttavia, che quest’ultimo totale riflette le royalties “derivate dai dati abbinati alle entrate ricevute nel 2022 e [all’inizio del 2023”, secondo SOCAN, 34 anni.

Analizzando i 385,45 milioni di dollari di entrate, il PRO ha attribuito 297,75 milioni di dollari/404 milioni di dollari canadesi (in aumento dell’8% su base annua) agli utilizzi in Canada, che, almeno dal punto di vista registrato, è rimasto l’ottavo mercato musicale più grande al mondo nel 2023.

E all’interno di questa tranche, le entrate digitali sono aumentate del 13% su base annua a 138,56 milioni di dollari (188 milioni di dollari canadesi), mentre “licenze generali e concerti” sono migliorate del 28% su base annua a 35,38 milioni di dollari (48 milioni di dollari canadesi), secondo SOCAN. Nel frattempo, l’organizzazione no-profit ha destinato 88,44 milioni di dollari (120 milioni di dollari canadesi) di entrate agli utilizzi internazionali, in crescita del 9% su base annua.

Nonostante i risultati apparentemente positivi, l’amministratore delegato di SOCAN Jennifer Brown in una dichiarazione ha sottolineato l’impegno del suo PRO verso iniziative, inclusa la difesa legislativa, progettate “per livellare il campo di gioco” per i membri.

Jennifer Brown, CEO di SOCAN

Jennifer Brown, CEO di SOCAN

 

“Siamo molto orgogliosi di servire i nostri cantautori, compositori ed editori musicali e, mentre commemoriamo il 100° anniversario della promulgazione del Copyright Act of Canada, il nostro impegno nella difesa legislativa è più forte che mai”, ha dichiarato da lungo tempo il dirigente della SOCAN. indicato.

“Dobbiamo lavorare per garantire condizioni di parità e SOCAN è totalmente impegnata a creare l’ambiente per un futuro più promettente e prospero per tutti i nostri membri”, ha concluso Brown.

Infine, SOCAN ha colto l’occasione per ribadire di aver collaborato nel 2023 con la spagnola Point Technologies di Dublino per ottimizzare “l’esperienza operativa” dei membri. La corrispondente “implementazione su larga scala e migrazione dei dati” dovrebbe concludersi nel 2025.

Il mese scorso, ASCAP ha registrato entrate record per il 2023, pur continuando a pubblicizzare il suo status di unica PRO degli Stati “ad operare senza scopo di lucro”. Sempre a febbraio, BMI ha ufficialmente completato la sua vendita a New Mountain Capital, impegnandosi anche a inoltrare 100 milioni di dollari del ricavato ai cantautori, compositori ed editori membri.

Oggi, BMI ha confermato il pagamento di 100 milioni di dollari, che si dice abbia raggiunto gli affiliati (raggruppati in livelli, che hanno influito anche sulla dimensione dello stipendio) con almeno 500 dollari di guadagni PRO tra il 2019 e il 2023. “I 100 milioni di dollari sono stati divisi equamente, 50 /50, tra cantautori/compositori BMI ed editori BMI”, ha riferito BMI.